Cosa sono le parole chiave e come usarle per far sì che Google ti invii tonnellate di traffico

Nel corso degli anni, abbiamo parlato molto sul blog di SEO per l’e-commerce.

Abbiamo sgranato 1.001 strategie per conquistare Google, ma non abbiamo mai parlato di un aspetto fondamentale del SEO: le keywords o parole chiave.

E siccome questo è imperdonabile da parte nostra, nell’articolo di oggi spiegheremo a fondo…

Cosa siano le parole chiave e come trovare le migliori per i testi del tuo negozio.

Un post con tutto quello che devi sapere per controllare quali parole includere nel tuo contenuto, senza bisogno di essere un esperto SEO.

È necessario ripetere una parola chiave alla nausea per farla classificare? Bisogna usare sinonimi? Quali strumenti gratuiti si possono usare?

Continua a leggere, ti racconteremo tutto ciò.

Cosa sono le parole chiave?

Prima di saltare subito alle parole chiave, c’è un concetto che dobbiamo affrontare prima: l’intento di ricerca degli utenti.

O detto in un altro modo:

Quali informazioni un utente vuole trovare quando digita qualcosa su Google.

Nella maggior parte dei casi il loro intento sarà raggruppato in tre diversi obiettivi:

  • Ottenere informazioni.
  • Comprare.
  • Navigare.

Il fatto è che due persone che cercano la stessa cosa molto probabilmente lo faranno in modi diversi (inserire un termine diverso in Google).

Ad esempio:

Se la mia intenzione è quella di conoscere gli ultimi risultati della Lega Calcio posso cercare questa informazione digitando:

  • “Risultati Lega Calcio”.
  • “Partite Lega Calcio Spagna”
  • “Liga Santander”.

Tra le altre opzioni.

Cioè, ci possono essere diversi modi di formulare una ricerca anche se l’intenzione è la stessa.

Infatti, per molte parole chiave diverse, come nel caso del calcio, Google è già in grado di offrire la stessa SERP (Search Engine Results Page) o pagina dei risultati.

Ora guardiamo la definizione di parola chiave:

Le parole chiave o keyword sono i termini e le frasi più utilizzate dagli utenti per esprimere le loro intenzioni di ricerca.

Hai notato che abbiamo messo “più” in maiuscolo?

Spieghiamo perché di seguito.

1. Parola chiave vs query

Un termine che vedrai spesso e che è spesso usato come sinonimo di parola chiave è query, anche se in realtà sono concetti diversi.

Una query è qualsiasi parola o frase che una persona cerca, che sia scritta bene o male, mentre le parole chiave sono le query che si ripetono molto spesso e per le quali ci interessa posizionarci.

Parlare di SEO è quasi sinonimo di parlare di Google, ma l’idea è simile per Bing o qualsiasi altro motore di ricerca.

2. Long tail: quando una parola chiave è più specifica

Un altro termine che genera molta confusione è la parola chiave long tail. Tuttavia, è molto più semplice di quanto sembri.

Pensa a una parola chiave molto ricercata. Per esempio, “hotel Parigi”.

Questa è una parola chiave molto breve (solo 2 parole), con molte ricerche e molto competitiva (molti siti web cercano di posizionarla).

Ora aggiungi una o più parole prima o dopo:

  • “Hotel Paris romantico”.
  • “Miglior hotel Parigi quartiere latino”.

Il risultato sarà una parola chiave più lunga e specifica che probabilmente avrà meno ricerche di “Hotel Paris”.

Chiamiamo queste parole chiave più lunghe e specifiche che vengono dall’aggiunta di qualcosa alla parola chiave principale, una coda lunga.

Sostituisci “hotel Parigi” con “scarpe da calcio” e continua ad aggiungere parole per allungare la parola chiave principale.

La cosa più importante è che le nuove parole chiave che sorgono hanno intenzioni di ricerca specifiche e sono diverse le une dalle altre.

Ecco un altro esempio.

La persona che cerca “scarpe da calcio per bambini” non vuole trovare le stesse informazioni della persona che inserisce “scarpe da calcio Cristiano Ronaldo”.

Hai capito l’idea, vero?

Attenzione perché questo è importante: soddisfare l’intenzione di ricerca è sempre l’obiettivo numero 1 di un testo che cerca di posizionarsi.

Concetti importanti quando si parla di parole chiave

Oltre a capire cos’è una parola chiave, la cosa importante è come usarla per ottenere più traffico.

E per questo, è necessario capire i seguenti concetti.

1. Parole chiave LSI, l’era delle parole chiave semantiche

Qualche anno fa, quando Google non era ancora ben sviluppato, ripetere la stessa parola chiave un sacco di volte era sufficiente per classificarsi nelle prime posizioni.

Questa pratica, portata all’estremo, ha finito per essere penalizzata per quello che si chiama keyword stuffing (introdurre la parola chiave in modo innaturale con l’intenzione di posizionamento).

Per questo motivo, ti consigliamo di controllare il numero di volte che inserisci la parola chiave. Ne parleremo più tardi.

Ora, invece, Google premia ciò che è noto come la rilevanza di un testo.

Un testo sarà più rilevante quanto più parole semanticamente legate al concetto principale che include; parole che di solito sono scritte insieme.

Torniamo a Parigi per un esempio.

Se voglio posizionare la parola chiave “Parigi”, dovrò includere parole (entità) che di solito appaiono anche quando si parla di Parigi.

  • “Torre Eiffel”.
  • “Notre Dame”.
  • “Quartiere latino”.
  • “Città dell’amore”.

Se tutte o la maggior parte delle pagine nella top10 includono queste o altre parole, dovrebbero apparire anche nel tuo contenuto.

Chiamiamo queste parole chiave LSI (Latent Semantic Indexing). Google capisce che un testo che tratta in profondità un argomento deve includere tutte queste parole per essere rilevante.

Non confondere le long tail keywords con le LSI: le prime sono estensioni della parola chiave principale, mentre le seconde non hanno nessuna relazione morfologica con la parola chiave principale o tra di loro.

  • Keyword principale: Parigi.
  • Long tail: cosa fare a Parigi con i bambini.
  • LSI: Notre Dame.

L’obiettivo di Google è la naturalezza, vale a dire che quando si tratta un argomento in profondità, certe parole verranno fuori naturalmente.

Un testo che parla approfonditamente di Parigi non menzionerebbe la Torre Eiffel?

Ovviamente no. 😉

2. Densità delle parole chiave

Se il tuo obiettivo è quello di posizionarti e di far fruttare il tuo lavoro per molto tempo, sai già che creare testi rilevanti con il maggior numero possibile di parole LSI è la strada da seguire.

Nonostante questo, Google è ancora solo un robot che legge e interpreta, quindi non dimenticare il numero di volte che la parola chiave principale è ripetuta e le sue posizioni nell’articolo (url, H1, H2, ecc.).

La densità di una parola chiave è il numero di volte che si ripete, espresso in percentuale.  

Non c’è una regola definitiva ma, per sicurezza, non si dovrebbe superare l’1,5% (in questo testo la parola chiave principale ha una densità dell’1,3%).

Truchetto

Una pratica comune dei SEO è quella di guardare la densità di parole chiave del contenuto dei primi 3-4 risultati.

In questo modo sanno quale percentuale è tollerabile per quella parola chiave.

Per alcuni argomenti, come le ricette, Google permette una densità abbastanza alta senza rischio di essere penalizzato.

Truchetto 2

Prima di creare un testo, fai una lista di sinonimi della parola chiave principale e guarda il primo contenuto posizionato per vedere come lo nominate.

Così non sembrerai ripetitivo.

3. Prominenza

Oltre alla pertinenza di un testo e alla densità di una parola chiave, c’è un altro termine importante: prominenza.

Google non guarda solo quante volte una parola chiave è ripetuta, ma anche dove si trova nel testo.

Se è inclusa nel titolo (H1) o nel primo titolo, avrà più risalto/importanza. Lo stesso vale se è incluso all’inizio o alla fine dei paragrafi.

Ma attenzione a non esagerare! Non finire ogni paragrafo con la stessa parola chiave.

L’abbiamo appena fatto nel paragrafo precedente. 😉

Truchetto

Per controllare la densità e la prominenza puoi usare un’estensione di Chrome molto utile chiamata SEOQuake.

Strumenti per trovare le parole chiave

Prima di iniziare a creare articoli per il tuo blog di e-commerce o per riempire le schede prodotto, dovresti fare una piccola ricerca di parole chiave.

Questa ricerca non ha bisogno di essere molto approfondita, ma è necessario sapere:

  • Cosa cerchi la gente su Google.
  • Quali parole usino i tuoi concorrenti.
  • Quale sia la densità media del contenuto.
  • In quali titoli le parole chiave vengano utilizzate di più.

Ricorda che stiamo cercando testi rilevanti per Google e utili per l’utente.

Ora vediamo tutti questi strumenti.

1. Google Keyword Planner

Poiché è limitato solo agli account con campagne attive, ha perso popolarità, ma è ancora una grande opzione.

  • Pro: nessuno sa meglio di Google cosa cerca la gente su Google.
  • Contro: essendo uno strumento Adwords è orientato alle parole chiave transazionali (intento di acquisto). Questo diventa un vantaggio quando si lavora con i negozi online.

Puoi trovarla quí.

2. Ubersuggest (Neil Patel)

Neil Patel è un noto specialista di marketing che ha comprato un keyword research (strumento di ricerca) di parole chiave molto popolare: Ubersuggest.

Dopo averla comprata ha fatto un grande lifting e la offre gratuitamente.

  • Pro: in “idee di parole chiave” offre due schede, suggerimenti e correlati. Le prime sono parole chiave a coda lunga e le seconde sono parole semanticamente correlate. Attualmente è gratuito. 😉

que son las palabras clave

  • Contro: è orientato al mercato americano, inoltre, non fidarti troppo della percentuale di “probabilità di successo” che offre.

Puoi provarla qui.

3. Keywordtool.io

Anche se la versione gratuita non offre volumi di ricerca, è comunque uno degli strumenti più completi:
palabras clave seo

  • Pro: Oltre a Google, offre ricerche su YouTube, Amazon o Ebay. Se sei a caccia di parole chiave transazionali, è molto utile sapere cosa viene cercato su Amazon.
  • Contro: è davvero costoso, un piano medio decente costa 68 dollari al mese.

Puoi provarla quí.

4. Kiwosan

Più che uno strumento per le parole chiave è quasi una suite SEO completa ad un prezzo a basso costo, e sta prendendo posizioni come alternativa a strumenti a pagamento come Ahrefs o Semrush.
example keywords

  • Pro: offre ricerche transazionali e analisi delle pagine per estrarre le parole chiave e la loro densità. Forse il miglior rapporto qualità-prezzo sul mercato.
  • Contro: È in fase beta, quindi dovremo seguire da vicino i suoi progressi. È in spagnolo.

Puoi provarla quí.

5. Keywordshitter

Il contenuto che si classifica meglio è quello che soddisfa meglio gli utenti, ma senza perdere di vista Google.

  • Pro: è gratis, inizia con la lettera “a” e non si ferma finché non si clicca su stop. Parole chiave e ancora parole chiave, anche troppe…
  • Contro: non c’è nessun filtro o controllo sui risultati che può essere schiacciante.

Puoi provarla quí.

La chiave delle parole chiave…

El contenido que mejor posiciona es el que mejor satisface a los usuarios, pero sin perder de vista a Google.

Il consiglio di Google va sempre verso la naturalezza del contenuto, ma è essenziale controllare un po’ la densità e la prominenza.

Per quanto riguarda la rilevanza, se il testo è di qualità e copre l’argomento in modo approfondito, il successo è assicurato. Forza, vai alla ricerca di quelle parole chiave!