Non sai che cos’è l’headless eCommerce? Ecco cosa significa (in termini semplici) e quali sono i suoi vantaggi

Head…Cosa?

Sì, sappiamo che nel mondo dei negozi online ci sono molti anglicismi. Ma siamo sicuri che il termine di cui ti parleremo oggi sarà di tuo interesse.

Si tratta di un nuovo modo di gestire il tuo eCommerce che ti aiuterà a migliorare l’esperienza utente e a gestire più facilmente l’omnicanalità.

Davvero esiste una cosa simile?

Sì e si chiama headless eCommerce.

Preparati, perché iniziamo ad analizzare il significato di queste due parole 😉 . 

👉 Che cos’è un headless eCommerce?

Cominciamo con una definizione tecnica:

Headless eCommerce significa che il tuo negozio online rompe con la struttura web tradizionale (rigida), in cui il frontend e il backend dipendono al 100% l’uno dall’altro. 

Spiegandolo a livello visivo, con l’headless eCommerce il concetto di frontendall-in-one” (tutto in uno) cambia completamente.

Forse ancora non ti è chiaro a cosa ci riferiamo o perché un frontend diverso dal solito possa essere utile, quindi ora ti spiegheremo tutto passo dopo passo.

1. Prima chiariamo alcuni termini

Per capire i vantaggi dell’headless eCommerce, è importante avere le idee chiare su tre parole:

  1. Frontend.
  2. Backend.
  3. API.

Se è la prima volta che senti parlare di questi termini o comunque non hai ben presente cosa siano, non ti preoccupare: te li presenteremo in modo molto semplice.

➡️ A. Frontend

Il frontend è la parte del tuo sito web con cui i clienti interagiscono, la prima cosa che appare quando digitano il tuo nome e accedono all’indirizzo web del tuo negozio.

È la parte visibile.

  • Le immagini.
  • I video.
  • Le varie pagine.
  • I banner.
  • I grafici.
  • I calendari.
  • Ecc.

Prendi come esempio questa immagine: si tratta di un negozio online che vende cosmetici biologici. Tutto quello che vediamo a prima vista fa parte del suo frontend.

Come puoi vedere, abbiamo la possibilità di visitare i suoi vari social network, inserire i nostri dati e iscriverci a una newsletter o ricevere un buono sconto per il nostro compleanno.

Il frontend è costituito da tutti quegli elementi del tuo negozio online che sono visibili “pubblicamente”.

arquitectura headless ecommerce

➡️ B. Backend

Il backend, invece, è costituito da tutta la tecnologia che si cela dietro il tuo negozio web e che, quindi, non è accessibile all’utente.

In altre parole, si tratta dello sviluppo web che fa funzionare il tuo sito.

➡️ C. API

API è l’acronimo di Application Programming Interface, ovvero Interfaccia di programmazione delle applicazioni.

E questo cosa significa?

Parlando in termini tecnici, un’API è l’insieme di protocolli (come lo chiamerebbero gli esperti) che permettono ai dati del frontend e del backend di comunicare più facilmente e più rapidamente.

In parole semplici, un’API è uno strumento che collega due o più strumenti in modo che possano lavorare insieme.

L’API comunica al backend ciò che l’utente del tuo negozio online ha richiesto sul frontend e, una volta che la richiesta è pronta, la passa all’utente senza che entrambe le parti debbano lavorare di pari passo.

Facciamo un esempio.

In questa pagina hai la possibilità di scaricare un lead magnet (un regalo gratuito). Per farlo, dovrai semplicemente inserire i tuoi dati nel modulo.

Questo modulo è collegato tramite l’API a uno strumento di e-mail marketing che si occuperà di inviare l’e-mail con il regalo dopo l’inserimento dei tuoi dati.

Grazie all’API è stato possibile vincolare facilmente due strumenti (e senza dover toccare il codice).

headles ecommerce architecture

2. Perché è utile strutturare il tuo negozio in questo modo

Come ti abbiamo spiegato prima, nei negozi tradizionali il frontend e il backend lavorano insieme. Con l’headless eCommerce, invece, questo vincolo obbligatorio viene spezzato.

O meglio, si rompe il concetto di frontend totale.

Ora, a seconda dell’azione eseguita dall’utente, il backend invierà, tramite API, ciò che vogliamo.

Meglio fare un esempio, no?

Immagina che, a seconda delle dimensioni del dispositivo che l’utente sta usando, tu possa usare diversi tipi di  checkout, poiché alcuni si adattano meglio di altri.

Ecco, funziona proprio così.

Grazie alle API potrai personalizzare al massimo l’esperienza utente e adattarti più facilmente all’omnicanalità.

👉 Vantaggi dell’headless eCommerce o perché potrebbe essere nel tuo interesse rompere con l’architettura web tradizionale

Ti abbiamo già spiegato che, grazie alla “rottura” del frontend, puoi migliorare l’esperienza utente e gestire meglio l’omnicanalità.

Ora approfondiremo il tema e ti illustreremo altri vantaggi.

1. L’esperienza utente ha la priorità

Il gioco è salito di livello.

O meglio, il cliente/l’utente che ogni giorno entra nel tuo eCommerce ha aumentato il suo livello di esigenza. Richiede un’esperienza e un’attenzione sempre più tempestiva e personalizzata.

E qui le API, di pari passo con l’headless eCommerce, ti semplificheranno la vita.

La possibilità di integrare facilmente vari strumenti ti apre un mondo di opzioni con lo scopo di fornire un’esperienza utente positiva. Infatti, potrai personalizzare ogni piccolo dettaglio.

➡️ Ecco un altro esempio: Doofinder

Il nostro motore di ricerca segue la stessa filosofia dell’headless eCommerce e utilizza l’AI (intelligenza artificiale) per fornire risultati personalizzati al 100%. Per esempio, grazie al nostro monitoraggio dell’interazione di ogni persona nel tuo negozio, possiamo “leggere la mente del cliente” e prevedere quasi del tutto cosa vuole cercare.

Così, se una persona ha precedentemente comprato dei guantoni da boxe e qualche giorno dopo torna al tuo negozio e cerca “pantaloncini”, Doofinder gli mostrerà dei pantaloncini… Ma da boxe.

E la cosa migliore è che lo puoi provare gratis per 30 giorni.

Dove?

Registrandoti qui.

2. Avere un negozio multicanale non è più un problema

Instagram.

App.

Smartwatch.

TikTok.

E domani apparirà sicuramente un nuovo canale. E il tuo cliente vuole trovarti in tutti questi canali e vuole che la sua esperienza, in ciascuno di essi, sia perfetta.

Una pazzia?

No, grazie alle API.

Grazie a loro, potrai integrare il tuo backend con ogni nuovo canale in modo semplice e veloce (e tutte le informazioni saranno aggiornate e uguali in tutti i canali).

3. Facilità di apportare modifiche

Grazie all’headless eCommerce, apportare un cambiamento al tuo negozio non ti porterà via molto tempo.

Perché?

Prima, ogni cambiamento implicava la modifica dell’intero frontend. Ora, invece, puoi modificare tutto quello che vuoi in maniera specifica.

Decentrando le funzioni, potrai eseguire tutto molto più velocemente.

4. Ottimizzare diventa più semplice

Perché realizzare i test A/B sarà molto più facile.

Essendo tutto decentralizzato, sarà più semplice per te fare delle prove o testare aspetti più specifici.

Vuoi saperne di più su come realizzare i test A/B? Ecco qui un post specifico dove approfondiamo questo tema.

5. Migliore immagine del marchio

È una conseguenza logica di quanto spiegato fin’ora.

Se l’esperienza utente migliora, migliora anche la percezione che hanno di te. E naturalmente questo, a sua volta, aumenta il tasso di conversione e fidelizza i tuoi clienti.

👉 Quando è meglio passare a un headless eCommerce? 

In uno scenario ideale, il momento sarebbe proprio ora. Ma dobbiamo essere realisti: ogni business online ha le sue esigenze e i suoi obiettivi.

Se hai appena avviato il tuo eCommerce, è preferibile che il tuo progetto prima si stabilizzi e cresca.

Ma se la tua attività commerciale è già attiva e ben funzionante, dovresti considerare seriamente di fare il salto, perché l’omnicanalità è già un elemento praticamente obbligatorio (e migliorare l’esperienza utente dovrebbe essere una costante).

Tuttavia, come sempre, prima devi valutare:

  • Prezzi.
  • Tempi d’implementazione.
  • Impatto sulle vendite.

E, una volta preso in considerazione tutto questo, potrai decidere se è davvero il momento giusto.

👉Il futuro passa dalla personalizzazione (e quindi dall’headless eCommerce)

In un mercato ipercompetitivo, occuparsi al meglio dell’esperienza utente è ormai un obbligo. 

Vorresti leggere altri post dove ti diamo idee su come farlo?

Ecco una carrellata di articoli che ti aiuteranno a migliorare la tua UX.

E se ti sembra ancora poco,  ecco la nostra sezione di whitepapers per approfondire vari argomenti su come migliorare il tuo negozio (e aumentare le vendite).